Oasi WWF Bolgheri


Oasi WWF Bolgheri

Scoprire la costa della maremma in un ambiente incontaminato, tutelato e protetto dal 1959, quando Mario Incisa della Rocchetta creò la prima oasi faunistica privata italiana a Bolgheri.

L’Oasi di Bolgheri con la nascita del WWF Italia divenne poi, insieme a quella del Lago di Burano, la prima oasi WWF italiana.

Una riserva che, con i suoi 5 chilometri quadrati di superficie tra palude, bosco allagato, prati umidi, pascoli e terreni coltivati, conserva l’aspetto tipico e originario della costa maremmana, dove il bosco separa gli stagni dalla spiaggia.

Oltre a passeggiare nella natura potrete vedere diverse specie di uccelli che in inverno prendono il volo, come il germano reale, il fischione, la canapiglia.

Il simbolo del parco è l’oca selvatica che è presente nel parco durante l’inverno; numerosi sono poi i falchi, gli aironi e i beccaccini.

Dal 2008 l’Oasi ospita una coppia di cicogne bianche, assenti in Maremma da oltre 200 anni; inoltre tra i mammiferi si possono incontrare caprioli, daini, cinghiali, istrici e volpi. L’Oasi di Bolgheri è sicuramente un luogo da visitare se siete amanti della natura e di questo territorio che racchiude bellissimi panorami tra bosco e spiaggia, un posto adatto per gli amanti del birdwatching ma anche per chi ama le passeggiate.